Spot&Social. Dalla Cina campagna contro l’obesità: ‘Mangi solo se bruci’

Pubblicazione: 18 maggio 2015 16:23
Ultima modifica: 17 febbraio 2017 15:52
Argomento: Articoli
cina-spot

Visto che siamo in periodo di Expo 2015, parliamo di cibo e di come prevenirne gli eccessi. Perché nel mondo c’è chi mangia poco o niente, ma c’è anche chi mangia troppo, e proprio in occasione dell’Expo!

In proposito i giornalisti de L’Inkiesta hanno scritto: “All’Expo si ingrassa e si va per ingrassare. Al padiglione belga offrono birra e patatine. Al padiglione della birra Moretti una pinta di birra costa tre euro, prezzo più che accessibile”.Altri hanno sottolineato che visti i prezzi dei ristoranti non proprio economici, l’alternativa più accessibile è una bella abbuffata a basso costo da McDonald’s…

Ma non è di questo che parliamo oggi. Parliamo semmai del fatto che nemmeno una dieta rigorosa, in sé, è sufficiente per perdere peso e stare in forma: secondo dietologi e nutrizionisti, occorre anche fare almeno 10.000 passi al giorno.

E’ per far meglio comprendere questo concetto, che il Department of Health of China ha fatto realizzare un progetto di marketing non convenzionale, destinato ben presto a diventare un video virale.

Oramai sta diventando una tecnica ben consolidata: non si pensa più soltanto ad uno spot televisivo, ma si organizza un evento o un flashmob in grado sia di diventare oggetto di pr e di articoli sui giornali e di servizi in tv, sia di diffondersi grazie al meccanismo della viralizzazione.Fatto curioso e interessante è che il progetto è stato curato dalla Miami Ad School sotto la direzione dell’art director cinese Xiao Xiao Wang, che evidentemente aveva i contatti giusti con il suo paese d’origine…