IntegrAction

Argomenti trattati : Educazione civica Integrazione / Intercultura Pari opportunità Razzismo

Credits

Ente Fondazione Acra, Pubblicità Progresso
Agenzia di pubblicità Acqua Group
Direttore Creativo Luca Negretti e Massimo Del Monaco
Copywriter Veronica Maggi
Art Director Roberto Ferrario
Casa di Produzione Bedeschifilm
Produttore Giovanni Bedeschi
Regia Alberto Poli, Claudio Gallinella

Italia - 2018
Il progetto "Le nostre città invisibile - Incontri e nuove narrazioni del mondo in città", è la campagna di comunicazione denominata #IntegrAction. Nata nel 2018 per la necessità di contribuire al contrasto di rappresentazioni scorrette e discriminanti delle migrazioni e delle diversità culturali. Creare un nuovo lessico comune, uscire dalla logica emergenziale e valorizzare le identità che si contaminano, sono gli obiettivi principali che la campagna si prefigge.  


L’integrazione è così semplice che la capisce anche un bambino. Siamo voluti partire dall’innocenza e dalla spontaneità con cui i bambini affrontano il tema dell’integrazione necessaria nelle società sempre più multietniche dei paesi europei. Questa campagna di sensibilizzazione usa il linguaggio di una fresca ironia, che nasce dalla spontaneità dei bambini che per loro natura non hanno pregiudizi nei confronti di chi è apparentemente diverso”. Fondazione Pubblicità Progresso


La campagna, promossa dalla Fondazione Pubblicità Progresso insieme ad ACRA, con il supporto scientifico di Fondazione ISMU, firmata da Bedeschi Film e Acqua Group, e finanziata da A.I.C.S. (Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo) è nata dalla volontà di far riflettere sulla necessità di imparare a vivere in una società capace di far convivere le diverse identità culturali che la abitano, mirando a creare un nuovo lessico comune in grado di uscire dalla logica emergenziale. 

Per raggiungere tali obiettivi è stato necessario non solo sensibilizzare l’opinione pubblica, ma anche sottolineare il modo in cui le diverse culture interagiscono nella quotidianità e contribuiscono allo sviluppo delle nostre società. Da questo spunto è stata sviluppata la scelta di mettere in risalto, all’interno della campagna, il pensiero dei bambini, partendo dalla scuola, luogo in cui l’inte(g)razione avviene già, ogni giorno.