Chi siamo

Pubblicità Progresso è da 50 anni sinonimo di pubblicità sociale.
Oggi sviluppa progetti di comunicazione integrata e realizza molte altre attività senza modificare il proprio nome che rappresenta un riferimento importante nella cultura italiana.

50 anni di storia

Fondazione privata libera, indipendente, apartitica, areligiosa e senza fini di lucro.

Dal 1971 al servizio della crescita civile e sociale del nostro Paese. Il nostro intento è di contribuire a progetti di comunicazione sociale per sensibilizzare l'opinione pubblica su temi civili, culturali ed educativi della nostra comunità.

La nostra speranza è favorire la nascita di comportamenti virtuosi orientati alla crescita del bene comune.


Con la nostra attività e grazie al contributo dei nostri partner (soci, utenti, organizzazioni professionali, imprese e media televisivi, editoriali e digitali) promuoviamo l’impiego della comunicazione sociale di qualità per sensibilizzare l'opinione pubblica. I nostri interlocutori tra cui enti, istituzioni, pubblica amministrazione e organizzazioni non governative e imprese sociali, possono usufruire di spazi pubblicitari televisivi gratuiti o agevolati oltre al più grande perimetro digital e social esistente oggi in Italia.
Contribuiamo quotidianamente a valorizzare la pubblicità italiana in tutte le sue forme grazie alle migliori professionalità esistenti.

Pubblicità Progresso: essere gli altri

Hanno detto di noi

In questi anni sono stati numerosi gli studiosi, gli esperti, i docenti che hanno parlato di Pubblicità Progresso, delle sue campagne, delle sue attività.



Questa Fondazione costituisce un eccellente esempio di come l’Italia possa offrire fondate ragioni di apprezzamento a livello internazionale, dando di sé un’immagine positiva: Pubblicità Progresso può essere considerata ed è stata spesso definita “un caso unico al mondo”. (Giorgio Napolitano)



Le campagne di Pubblicità Progresso (a cominciare dalla prima a favore della donazione del sangue del 1971, che riscosse, come noto, un inatteso ed insperato successo) hanno accompagnato lo sviluppo della società italiana, svelandone – e talora anticipandone – problemi e contraddizioni. Forse non è esagerato affermare, da questo punto di vista, che Pubblicità Progresso è diventata uno specchio – certamente parziale e incompleto, ma egualmente interessante – delle inquietudini e dei problemi sociali del Paese, e della rappresentazione che di essi ne è stata data da una élite influente. (Giovanna Gadotti)


Oggi Pubblicità Progresso è uno dei marchi più affermati e conosciuti in Italia, ma questo non è l’aspetto più importante: quello che conforta chi ha collaborato e collabora con il nostro istituto è che il cittadino ne riconosca l’altissimo valore sociale al punto da immaginare che Pubblicità Progresso faccia parte, in qualche modo, delle istituzioni dello Stato. (Gianni Cottardo)

Statuto della Fondazione Pubblicità Progresso